Mahshad-Iran
Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Grazie alle sue specifiche e delicate condizioni Toos, nel periodo di Teymoorian e Ilkhanan passò di mano in mano tra i diversi governatori e gli abitanti vennero massacrati. Infine nel 1438 D.C. Shahrokh, il figlio di Amir Taymoor, prese il trono come re. Dopo il suo regno la città ebbe un notevole sviluppo ed una grnde espansione. Dalla seconda metà del XV secolo la città venne chiamata   Mashad.

Vi sono rimaste alcune tracce della vecchia Toos ma grazie all'esistenza della tombra del grande poeta iraniano "Ferdowsi" la vecchia toos ha una sua reputazione ed importanza. Tuttavia oggi Mashad ha un forte legame con la vecchia Toos e ogni anno centinaia di migliaia di pellegrini e visitatori frequentano la città essendo uno dei oli tel pellegrinaggio Sciita.

Le zone da visitare dal punto di vista naturalistico, culturale e religioso della città sono:

Il lago di Bazangan, le aree ricreative e i parchi di Kooh-Sangi, Akhlomad, Torhabeh, Band-e- Golestan (la diga di Golestan), Shandeshe, Jaghargh, Zeshk, Naghandar, Kardeh Dam e Miami, Cakilaba e Mella, le fontane di Gilas e Garab, le grotte di  Zari, Hendelabad, Mozdooran, Moghan e Kardeh, il palazzo Khorshid a Kooh-Sangi, Milakhanjan e il castello di Robat Sharaf, le rovine della vecchia città Toos e gli aggregati storici di Kale-e-Naderi. Le tombe di Ferdowsi, Sheikh Tabarsi, Khajeh Abasalt, Nader Shah, Imam Mohammad Ghazali, Khajeh Morad, Ravi (famoso gnostico iraniano)e il mausoleo del sultano Mahmood Ghaznavi, la cupola Meshed fatta di fango e mattoni, Mashad Mosalla (un posto per la preghiera pubblica), Navab, Soleyman Khan, Ghyasieh (Khargerd) e le scuole di Mirza Gafar, le moschee di Goharshad e Imam (ex Shah), il santuario dell'Imam Reza, il mausoleo di Hor-e-Ameli, Imamzadeh Mohammad, Imamzadeh Yahya e il mausoleo di khajeh Rabie la cupola verde di Haroonieh Sabz.